Comandamenti

Perché trasgredite il comandamento di Dio
in nome della vostra tradizione?
(Matteo 15, 3)

Il testamento di Tito – 1970

Per il sessantottino laico, il Testamento di Tito fu una specie di manifesto antidogmatico e antiautoritario. Ma anche per i cattolici post-conciliari l’antidecalogo che di fatto chiude La Buona Novella rappresenta l’espressione radicale di una contestazione dello schematismo precettistico che pareva discendere direttamente dal rigore vero testamentario fino al catechismo di Pio X. Il decalogo era in fondo il residuato tradizionale di una dottrina che era stata superata dal “comandamento nuovo” di Gesù: l’amore per i propri fratelli:

Vi do un comandamento nuovo: che vi amiate gli uni gli altri; come io vi ho amato, così amatevi anche voi gli uni gli altri. Da questo sapranno che siete miei discepoli, se avrete amore gli uni per gli altri” (Giovanni 13, 34-35)

Nella Buona Novella – dice FDA – mettevo in bocca a uno dei ladroni crocefissi con Gesù una lettura provocatoria dei dieci comandamenti, che il ladrone smontava uno per uno, smascherando l’ipocrita convenienza di chi li aveva dettati: facile dire “non desiderare la roba e la donna d’altri” quando si possiedono palazzi e concubine; oppure “non ammazzare” quando hai le mani sporche del sangue di innumerevoli crocifissioni.”

Me se la rabbia, l’imprecazione, il rimpianto, l’invidia, hanno dominato la declinazione del testamento di Tito, l’ultima strofa è una densa e poetica espressione di rassegnazione e di abbandono alla legge dell’amore: non alla volontà divina, come il ladrone dei Vangeli canonici, ma al contagio del messaggio dell’uomo di Nazareth. La “teologia” deandreiana tocca qui uno dei suoi punti più alti. Non c’è la promessa del paradiso, per il buon ladrone che esprime umana solidarietà al suo “compagno di crocifissione”, ma c’è una straordinaria lezione d’amore: “la pietà che non cede al rancore”.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: